HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Equa riparazione per un processo troppo lungo.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

13 novembre 2009



Spetta anche al condominio?



La legge n.89/2001 (Legge Pinto) disciplina l’equa riparazione che può essere chiesta da chi è stato coinvolto in un processo – civile, penale, amministrativo, pensionistico, militare, etc. – per un periodo di tempo considerato irragionevole, ossia troppo lungo. Tale legge, infatti, ha recepito il principio dell’art. 6 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali firmata a Roma il 4 novembre 1950, secondo cui "Ogni persona ha diritto a che la sua causa sia esaminata equamente, pubblicamente ed entro un termine ragionevole da un tribunale indipendente e imparziale, costituito per legge...".


I risarcimenti per l’eccessiva durata dei processi rappresentano una voce di debito consistente per lo Stato italiano, sicchè si comprende bene quanto possano incidere eventuali indennizzi per irragionevole durata del processo quando si tratta di materia condominiale, dove le vertenze in sede giudiziaria sono tante e spesso durano molti anni.


Ebbene, in proposito, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 22558 del 22 ottobre 2009, ha accolto il ricorso proposto dal Ministero della Giustizia contro una sentenza del Tribunale di Roma che aveva riconosciuto ad un condominio l’indennizzo per un processo troppo lungo, asserendo che il condominio, essendo un ente di gestione delle cose comuni, privo di personalità giuridica, non può chiedere l’equa riparazione.


La Corte nella citata sentenza ha precisato che <<l’amministratore può agire solo in virtù della delibera assembleare anche nella non totalità a tutela della gestione delle stesse mentre per quanto concerne i diritti che i condomini vantano unicamente come singoli è necessario uno specifico mandato da parte di tutti condomini, nella fattispecie insussistente, e che il difetto di legittimazione può essere eccepito per la prima volta in sede di legittimità, non vi è dubbio che il diritto all’equo indennizzo per la ragionevole durata del processo non spetti all’ente condominiale che è preposto unicamente alla gestione della cosa comune in quanto l’eventuale patema d’animo conseguente la pendenza del processo troppo lungo incide unicamente sui condomini che quindi sono titolari uti singoli del risarcimento>>.



Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Spese condominiali ed inquilini morosi.
Penali a carico dei condomini morosi.
Violazione del regolamento condominiale.
Convocazione assemblea condominiale.
Spese per compensi dell’amministratore condominiale.
Videosorveglianza nei condomini.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Causa di risarcimento danni contro il condominio.
Soppressione dell’antenna condominiale.
Delibera condominiale di installazione ascensore.
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Detenzione animali in condominio.
La manutenzione dei balconi.
Spese condominiali e condomini morosi.
Danni derivanti da difetto di impermeabilizzazione del lastrico solare.
Pu˛, il costruttore, nominare l’amministratore?
Tabelle millesimali.
Revoca dell’amministratore di condominio.
Zanzariere e condominio.
Installazione tende da sole in edificio condominiale.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali-Condominio: risarcimento danni e prescrizione.
Pensione di reversibilitÓ tra coniuge superstite e coniuge divorziato.
Agevolazioni fiscali per i portatori di handicap per acquisto dei mezzi di locomozione.
Separazione dei coniugi e assegno di mantenimento.
Quesiti legali-Assenza dal lavoro per malattia e privacy.
Tende da sole e condominio.
Quesiti legali- Separazione di genitori non coniugati e mantenimento figli minori.
Quesiti legali-IndennitÓ di malattia e rapporto di lavoro a tempo determinato.
Ascensore condominiale.
Il contratto di lavoro part-time.
Anche la pubblica amministrazione, se sbaglia, deve pagare.
Quesiti legali- Aria condizionata e condominio.
Quesiti legali - Separazione e voltura contratto di locazione
Quesiti legali-Decoro delle strade.
Quesiti legali- Pensione privilegiata per causa di servizio.
Quesiti legali - Parentela, affinitÓ e famiglia di fatto
Quesiti legali-Gli ascensori sono sicuri?
Il diritto all’ambiente salubre
Quesiti legali-Pensione sociale casalinghe.
Quesiti legali-Circolazione stradale e "giubbetti catarifrangenti".
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione