HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Autovelox senza decreto prefettizio.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

24 ottobre 2010



Legittimo l'utilizzo se l'apparecchiatura Ŕ "direttamente gestita" dagli organi di polizia.



Il Codice della Strada consente la rilevazione dell’inosservanza dei limiti di velocità con apparecchiature che, ai sensi dell’art. 345 Regolamento cod.strad., "devono essere costruite in modo da raggiungere detto scopo fissando la velocità del veicolo in un dato momento in modo chiaro ed accertabile, tutelando la riservatezza dell’utente", e di cui deve essere data preventiva informazione agli automobilisti, come stabilito dall’art. 4 del decreto legge n.121/2002, conv. in legge n. 168/2002, secondo cui, sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali, gli organi di polizia stradale possono utilizzare o installare dispositivi o mezzi tecnici di controllo del traffico finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni alle norme di comportamento di cui agli articoli 142, 148 e 176 del decreto legislativo n.285/92. Tali dispositivi o mezzi tecnici di controllo possono essere altresì utilizzati o installati sulle strade extraurbane secondarie e sulle strade urbane di scorrimento, o su singoli tratti di esse, individuati con apposito decreto prefettizio.

Pertanto, sembrerebbe che, al di là delle autostrade e delle strade extraurbane principali, l’utilizzo di apparecchiature sia legittimo soltanto se l’accertamento sia eseguito su tratto di strada menzionato in decreto prefettizio ai sensi dell’art. 4 del decreto legge n.121/2002, conv. in legge n. 168/2002.

Tuttavia, nonostante il diverso orientamento espresso da alcuni giudici di merito, la Corte di Cassazione, con la recente sentenza n.21091/2010, esaminando il caso di un automobilista multato per eccesso di velocità rilevata con una apparecchiatura autovelox direttamente gestita dalla polizia municipale, ha asserito la legittimità del rilevamento delle infrazioni tramite autovelox collocati su tratti di strada liberamente individuati dalla polizia municipale e direttamente gestiti dagli organi di polizia.

In particolare, la Corte ha osservato che l’inserimento del tratto stradale in un decreto prefettizio ai sensi dell’art. 4 del decreto legge n.121/2002, conv. in legge n. 168/2002, è condizione di legittimità dell’utilizzo delle sole apparecchiature di rilevamento "a distanza" delle infrazioni non anche di quelle direttamente gestite dagli organi di polizia, come era concretamente avvenuto nel caso specifico.

 

 

 

Erminia Acri-Avvocato

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Diventare "cittadino italiano".
Comodato di immobile adibito ad abitazione.
Multe legittime anche se notificate senza firma autografa dell’agente?
A proposito di residenza.....
Trasferimento ramo d’azienda.
Divisione ereditaria.
Valide le multe elevate dagli ausiliari del traffico?
Licenziamento del lavoratore in malattia.
Violazioni al codice della strada.
Assegno al nucleo familiare.
La patente di guida vale come documento di riconoscimento.
Prestazioni economiche invalidi civili.
Buone nuove sulle cartelle esattoriali.
IndennitÓ di accompagnamento agli stranieri.
Mediazione civile e commerciale e formazione.
Accertamento violazioni dei limiti di velocitÓ.
Multe per violazione del codice stradale e ricorsi.
Impugnazione del licenziamento.
Contravvenzioni stradali e notifiche a mezzo posta.
Multa e rimozione dell’auto illegittime.
DELLO STESSO AUTORE
Violazioni al codice della strada.
Quesiti legali-Quando il coniuge Ŕ spesso fuori per lavoro......
Equa riparazione per un processo troppo lungo.
Finanziaria 2005 e spese di giustizia.
Quesiti legali-IndennitÓ di malattia e rapporto di lavoro a tempo determinato.
Contestazione immediata delle violazioni del codice della strada.
La nuova mediazione civile e gli obblighi di informazione dell’avvocato.
Contestazione verbale infrazioni stradali.
Quesiti legali- Divorzi low cost e last minute.
LibertÓ di "parabolica" in condominio
La scomparsa del coniuge
La "guida con ciabatte".....
Quesiti legali-Portiere in ’condominio’.
Quesiti legali-Disdetta locazione.
Figli maggiorenni: mantenimento sine die?
Licenziamento del lavoratore in malattia.
La riforma del diritto societario
Quesiti legali-Autocertificazione.
Quesiti legali- Accesso su strada pubblica e passo carrabile.
Contratto “preliminare” di vendita.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione