HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Domanda di Grazia a Gesł.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

4 gennaio 2004





C'è l'uomo della condanna e c'è l'uomo della pena. C'è il viaggio di ritorno, lento e sottocarico, a fare da ponte con l'umanità ritrovata.


 

LUCI NEL BUIO - 20

Per conoscere meglio l’autore, si può leggere la ricca presentazione pubblicata nell’articolo "il falco dagli occhi lucidi", presente nella medesima sezione.

 

Ho partecipato alla S. Messa di Natale, ma non a quella di mezzanotte come avrei voluto, bensì a quella di mezzogiorno del 25, perché nonostante 30 anni di carcere scontati, dieci di permessi e di lavoro esterno, tre in regime di semilibertà come tutor nella Comunità Casa del Giovane di Pavia ad accogliere e accompagnare giovanissimi e ragazzi in difficoltà, rimango un uomo detenuto, a cui ancora non è concesso di decidere l’ora di una Messa da ascoltare.

Sì, un uomo detenuto, inchiodato a quel fine pena mai, che mi porto addosso da tre vite.

Un uomo detenuto, semilibero, ma non abbastanza da poter decidere una Messa, un incontro, una parentesi quadra piuttosto che tonda, figuriamoci graffa. Trent’anni detenuto, per tanti anni a rimestare colpa-pena-puniziome, anni a perdere e a ritrovare, anni importanti che passano, più ancora di quelli a venire.

Sono un uomo detenuto, per legge, per norma, per etica, per trent’anni lo sono stato, e lo sono ancora a dispetto dei Sofri, dei Signori Bianchi e dei Signori Rossi, che di grazia non ricevuta inciampano nella speranza di una firma in calce su qualche protocollo di intesa che non giunge mai.

Trent’anni alla catena, perché sprovvisto di innocenza, di proclami e dichiarazioni di estraneità ai fatti, dunque trent’anni in una cella per il male perpetrato. Giustamente ho trent’anni sottocarico sulle spalle, giustamente perché ne ho tutta la responsabilità.

Trent’anni non sono una vita, né due, come si dice nei film, o nei sentito dire, infatti sono la vita che fugge via.

Rimango un uomo detenuto, nonostante gli affetti ritrovati, i pregiudizi allontanati, il rientro a titolo nel consorzio umano, sociale e nazionale.

Nonostante il lungo viaggio di ritorno.

Trent’anni per pagare il conto-debito-dazio alla Giustizia, quella Giustizia equa, perchè consente di comprendere l’interesse collettivo per una pena improntata al tentativo di riparazione ai drammi consumati.

Trent’anni forse sono sufficienti per osare alleviare le lacerazioni imposte agli innocenti.

Forse possono bastare per accorciare le distanze e avvicinarci a un perdono che non sarà mai facile scorciatoia alla sofferenza. Sono andato alla S. Messa di Natale, non a quella di mezzanotte, ma a ben pensarci seppure in ora diversa a causa del fuso orario imposto dalle prescrizioni, Gesù è nato anche per me: quanto basta per crederci davvero!

Vincenzo Andraous - Carcere di Pavia e tutor Comunità Casa del Giovane Pavia

Gennaio 2004

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Applausi a mani nude.
Scacco matto in tre mosse...
La Pasqua
Fare prevenzione...
Quest’anno il Bambino č nato a casa mia...
Libertą che non ritorna...
Vanessa.
Vittime a perdere.
Dignitą disabitata.
L’infamia pił grande...
Del carcere, tutti sappiamo tutto.
Riconciliazione.
Dove muore la civiltą.
Un altro in meno.
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Il massacro degli innocenti.
Alle cosiddette persone civili...
La memoria corta, non č Pasqua!
Drogarsi...
Al mio amico Maicol.
DELLO STESSO AUTORE
Un video per un mondo di pace
Giovani a perdere.
La dignitą smarrita.
Giustizia...
Nuove droghe e vecchi merletti.
La casa del Cuore...
Finita la festa ...
La nazione dei bisonti.
Pił infantilizzati di quando sono entrati.
L’eufemismo dell’inferno di Dante.
I bambini non si toccano... mai!
Indulto e progetti inevasi...
Fare prevenzione...
Disconnessioni mentali.
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Alla scuola delle emozioni.
A difesa della dignitą personale.
Natale...
I traditori e gli indifferenti.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) nĀ° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione