HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
L’infamia più grande...
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

8 aprile 2006






...come una freccia, privata del suo ritorno.


 

 

LUCI NEL BUIO - 41

Tommy se n’è andato, anzi lo hanno fatto partire per un lungo viaggio, senza consentirgli uno sguardo stupito, senza alcun rispetto per ogni innocenza. E’ stato scagliato lontano, come una freccia privata di un ritorno, di un futuro doveroso. Ci sono spazi e tempi e modi per definire un delitto del genere, un’infamia senza eguali, persino per il più incallito dei delinquenti, è inconcepibile togliere la vita a un bambino.

Non c’è uomo in possesso di un rimasuglio di dignità che possa anche lontanamente accettare questa tragedia. Sull’onda rabbiosa che monta, dove l’ira penetra sottopelle e scarnifica la ragione, è con la pena di morte, con l’ergastolo a tutto tondo, che si tenta di lenire un dolore lancinante, una perdita irreparabile, un accadimento che non consente tregua al cuore.

Netto è il rifiuto e aberrante la vicinanza, non c’è il minimo dubbio al colpo a ritornare, quando si pensa a qualcuno che tocca malamente un bambino, che offende la sua innocenza, che gli fa del male fino a spegnerne il sorriso. è la vendetta che cammina veloce sulla spina dorsale, spinge in basso, come a volerci obbligare a colpire senza pietà.

In chi ha fatto del male a Tommy, c’è tutta la volontarietà della miseria umana, così spessa e colpevole da stabilirne la sua punibilità. Pena di morte immediata, pena eterna senza scampo, fine pena mai. Ci sta tutto e di più innanzi al corpo straziato di un bambino a cui sono stati rapinati i sogni per tutti i giorni ancora da venire. Ma forse c’è qualcosa di più e di meno con cui rompersi le dita alla ricerca di un conforto che non verrà.

Nell’inaccettabilità di questa assenza, nell’imbarbarimento che introduce questa sofferenza indicibile, non c’è soltanto la legge del taglione a confondere l’emozione che assale, c’è di più. C’è che l’uomo, persino quello meno avvezzo alle mediazioni, alle rinunce, alle felicità altrui, incapace di "essere" se non attraverso lo scontro fisico, la battaglia senza esclusione di colpi, ebbene egli non può che abbassare lo sguardo di fronte all’infamia più grande; toccare i bambini, coloro che non hanno e non avranno mai colpa.

Non esiste umanità disumana che possa condividere la liceità di un accadimento così grave e quindi autorizzarne la costruzione di un recinto in cui tutto è lecito. Coloro che hanno toccato Tommy, non saranno mai al sicuro dalla loro lucida follia, non saranno mai al sicuro dal giudizio degli uomini, e non sarà la pena di morte invocata o la tribolazione eterna a farne giustizia, bensì il marchio dell’infamia più grande cucita addosso.

 

Vincenzo Andraous

Responsabile Centro Servizi Interni - Comunità Casa del Giovane - via Lomonaco 43 -Pavia 27100

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Omertà non sta a solidarietà
La Pasqua
Il raglio del mulo.
Sul carcere e sulla pena...
In ricordo di Fabrizio de André.
Dignità disabitata.
Nel nome del Popolo Italiano!
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Il massacro degli innocenti.
EROI DI VERGOGNA
Io, ho smesso di fumare!
Abrogare la riforma penitenziaria?
La paura...
Rinascere davvero.
Crimini e Minori.
La guerra degli innocenti.
Vogliamo vedere Gesù!
Indulto e progetti inevasi...
Parole in trappola...
Il falco dagli occhi lucidi.
DELLO STESSO AUTORE
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Terrorismo...
Quest’anno il Bambino è nato a casa mia...
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Pedagogia del servire
il raglio del mulo - 2.
Maicol...
Era uno di quelli...
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
A Noi... e non agli Altri !
Alibi quasi perfetti.
Ma... cos’è, la Libertà?
La dignità calpestata.
L’eufemismo dell’inferno di Dante.
Caro Presidente...
La casa del Cuore...
Una difficile realtà.
Libertà va cercando ch’è sì cara...
Non auguro questo carcere neppure al mio peggiore nemico...
Liberare la libertà.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione