HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La Passione Di Cristo.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

7 maggio 2004





Riflessioni a "bocce ferme"


 

LUCI NEL BUIO - 25

Per conoscere meglio l’autore, si può leggere la ricca presentazione pubblicata nell’articolo "il falco dagli occhi lucidi", presente nella medesima sezione.

 

Il film sulla passione di Cristo è ormai scivolato via però una riflessione è doverosa, dopo tutti gli affanni delle critiche e la creatività delle censure, e gli sforzi all’intorno per travestire di mutamenti antropologici i libri sacri, che invece non affittano maschere né interpretazioni a tempo.

Il film di Mel Gibson è tacciato di violenza gratuita? Ha preferito del Cristo il martirio figurato e non quello meglio raccontato?

Eppure il Re è stato inchiodato alla Croce, nell’ingiustizia dell’inumanità, Egli non ha sorriso alla morte, né di coraggio ha taciuto al dolore, anzi, ha gridato al cielo.... ostinato, il Suo male, la Sua resa, il Suo abbandono. Lo ha gridato al Regista da Maestro sgangherato, ma così perfetto e inavvicinabile nello stile di vita, che nelle rivoluzioni che sono seguite non vi è neppure l’ombra di un doppio possibile per tenacia e fortezza innanzi agli uomini, a se stesso, alla morte.

Romantici e nostalgici, atei e credenti, in questo senso non hanno frecce nelle loro faretre, non posseggono campioni credibili da opporre a questo rivoluzionario Unico, che ha insegnato l’arte del vivere povero nella ricchezza e del morire per scelta di fede e di amore. Nonostante ciò, le sofferenze inumane sopportate da questo Signore umano, hanno creato sconcerto e imbarazzo, quasi paura per gli uomini che verranno....che forse dovranno solo essere uomini che al sangue versato sulla Croce non preferiranno un ricordo sbiadito. Siamo inondati di immagini da ieri a domani, e non ci scomponiamo oltremodo sul come e sul perché di tanti tragici eventi trapassati-ripetuti.

Ne rammentiamo le urla per le percosse, i tagli, gli scavi nelle carni, ne ricordiamo in bella vista anche la disposizione dei fori di proiettile, mentre dimentichiamo l’odore del sangue raggrumato. Non è il rumore delle nocche infrante sulle labbra di Gesù che precede la profanazione della dignità di un uomo, non è il corpo piegato e piagato nell’insopportabile accettazione del dolore a renderci meno imbroglioni, quanto trattandosi di Dio meglio porgere la guancia attraverso la metafora, gli accenni, e lasciare alle spalle, cioè dietro gli occhi della storia, ogni cosa intessuta di inumana colpa.

Riconosciamo che qualcosa è bello, è vero, perché assume un suo particolare tono di voce, questo vale anche per i personaggi che ne fanno parte, ognuno con il suo abito mentale, ciascuno con il suo vissuto e la sua storia.

Non siamo forse noi quelli che l’abbiamo crocifisso e umiliato? Allora perchè dobbiamo solo scriverne i comportamenti e non fotografarne le mosse, dove anche il cuore più impavido urla per il dolore, per la rabbia, per i rimorsi, e i pentimenti. Non occorre guardare il film della passione di Gesù con il dovere del rigore biblico o per alcuni amorale dei nostri anni, infatti come ha detto un mio amico, non si può tornare sui passi per riviverne un pezzetto, ma forse neppure addolcirne il ricordo per la festa che verrà.

Vincenzo Andraous - Carcere di Pavia e tutor Comunità "Casa del Giovane" di Pavia

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Donne e bambini al macero...
A difesa della dignità personale.
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
L’infamia più grande...
Natale a casa di Massaro Rocco
A te che nasci...
Festa della donna?
Macerie umane e speranze.
Quel cappio al collo...
Spinelli...
Terrorismo...
Droga...
Bullismo...
Amore che non trema.
Clemenza, per il popolo degli sconfitti.
Al voto...
La Pasqua
Natale 2015
A Noi... e non agli Altri !
DELLO STESSO AUTORE
Un futuro chiamato Tommaso...
L’infamia più grande...
Dal baratro alla rinascita.
Morti di serie B.
Non è possibile omologare alcuna violenza.
Una riflessione da svolgere con cura.
La comunità: un nuovo stile educativo.
Del carcere, tutti sappiamo tutto.
Mia figlia non c’è più.
Enzo Tortora.
La dignità smarrita.
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Terrorismo...
Quest’anno il Bambino è nato a casa mia...
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Pedagogia del servire
il raglio del mulo - 2.
Maicol...
Era uno di quelli...
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione