HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Aspettive...
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

27 ottobre 2019





Irrealizzabili?


Pensieri degli anni difficili

Strano, ne parlo da almeno un paio di decenni e mai ne avevo scritto!

Un grande silenzio, solo il ticchettio delle dita che compongono frasi, pensieri, concetti o semplicemente banali comunicazioni.

Irrealizzabili.

Il mondo dei social offre informazione e spunti di riflessione. Come questo che stamane mi ha incantato, catturato e trasportato in un cerchio di pensieri che non avevo mai oltrepassato.

Guardo altrove.

Lo dico, lo suggerisco e cerco di farlo mio. Ma non è facile.

Inutile, quando la strada si biforca, quando gli obiettivi diventano altri, quando non basta più guardarsi negli occhi, è necessario lasciarsi andare.

La caverna.

Non ricordo dove ne ho visto o sentito parlare, ma gira nei miei pensieri continuamente in questi giorni.

Le forchette al posto dei coltelli.

Un sogno intenso, pesante, a volte bello ma poco collimante con la realtà di un tempo. Impossibile pensare di sistemare le cose in una maniera diversa dall’abituale. Eppure è quello che è accaduto questa notte, quando le dita hanno incrociato una mano diversa e, in un modo diverso, hanno sistemato le cose.

Forse è un suggerimento, un pensiero che arriva da lontano e che invita a posizionarsi da un’altra prospettiva: là dove i coltelli si accomodano meglio e alle forchette diventa più facile lasciarsi afferrare.

Molto meglio lasciarsi andare al tremolio della voce nell’aria calda che non controllare ogni parola nel freddo della pietra che costruisce le pareti della caverna dell’anima.

Anche questa una delle fasi transitorie della mia vita. Ma … questa volta sono più forte, riesco ancora e sempre di più a percepire ogni mio battito di ciglia, ogni flebile battito di cuore, il sangue che pulsa nelle vene. E ciò mi rende in grado di osservare senza dover controllare ed essere sempre meno sopraffatta dalle paralizzanti paure.

Però …

Il sentimento della malinconia è sempre dietro l’angolo delle emozioni che più mi appartengono. Quelle che fanno di Fernanda Fernanda, che non potrebbe essere in altro modo se non che accompagnata dalle sue malinconie, nostalgie, dai pensieri delicati, dagli amori mai passati, dalla sua ricca solitudine.

Mi perdo nelle pagine dei tantissimi libri che affollano la mia casa. Mi lascio aspettare da loro quasi fossero animati, dotati di vita. Siamo noi che li rendiamo vivi, sfogliandone le pagine con delicatezza e curiosità. Alla fine provi un sentimento, li ami e lasci che la luce intensa della finestra più grande ne accarezzi le parole, ingiallendone la carta, rendendola vissuta.

Al risveglio, in ogni mattino il pensiero ad ogni affetto e poi il più bel sorriso, quando arriva in me la sua entusiasmante vitalità, il suo sincero affetto.

Ha riempito la vita. Una meraviglia che ha riempito la vita.

Mi fermo a pensare, fra i mille battiti di cuore che mi accompagnano in questo viaggio. Un viaggio di inizio autunno, un viaggio un po’ anticipato rispetto al passato, ma pieno di aspettative.

Le paure si concretizzano nella somatizzazione di ogni fastidio e, a fatica, questa volta mi arrendo.

Porto con me le solite certezze. Questa volta un po’ di più, un po’ più di tempo per arrendersi e lasciarsi andare. Una pausa lunga per meglio riflettere, per osservare, per consapevolizzare un sentimento forte che non vuole andare.

Fernanda


SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’elefante.
Il rispetto.
C’era una volta...
Vento.
Solo il cielo.
Qualcosa di diverso.
Il profumo del ricordo...
Uomo.
Lo scudo.
Il dono della vita.
Ricordi...
E intanto la vita passa!
Il dolore del distacco.
La Stanza delle Dinamiche.
Perdutamente.
La freschezza.
Quella sottile felicitÓ.
Lasciarsi andare...
Una bellissima giornata d’estate.
L’acqua, a tutte le piantine.
DELLO STESSO AUTORE
Senza dire una parola.
Fotografie.
Incontro all’alba.
Il contatto naturale col mondo.
Estate.
Una mezza veritÓ.
Il momento.
Le scorciatoie emotive.
Il Pensiero...
L’anima delle cellule.
No, questo no!
In una lacrima.
La fonte.
Come un telo su uno scoglio.
La veritÓ?
Il faro.
Bianco...
Lo scivolone.
A tutti quelli che...
La mediocritÓ.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione