HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Coma e coscienza di esistere.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

9 giugno 2010



Anche chi è in stato vegetativo può essere cosciente.


 

News neuroscienze

 

Il gruppo di lavoro sullo "stato vegetativo e di minima coscienza" istituito dal ministero della Salute dopo il caso di Eluana Englaro, stabilisce che questi pazienti percepiscono il dolore e quindi vanno trattati con medicine adeguate. Non si può escludere quindi la presenza di elementi di coscienza nei pazienti in stato vegetativo. Il livello e la qualità di tali elementi di coscienza variano, verosimilmente, da paziente a paziente, anche in dipendenza dal contesto ambientale e, soprattutto, dai motivi che hanno generato il coma.

Contrariamente a quanto finora sostenuto, lo stato vegetativo non è caratterizzato dalla mancata coscienza di sé e dell’ambiente.

Il presidente del gruppo di lavoro, il sottosegretario Eugenia Rocella aveva dichiarato, all’indomani della morte di Eluana, la sua contrarietà all’eutanasia di Stato e annunciò che il vuoto normativo sul tema del fine vita non sarebbe stato più lasciato all’interpretazione della magistratura, ma sarebbe presto stato colmato da una legge.

Per gli esperti della commissione ministeriale (Gianluigi Gigli, Antonio Carolei, Paolo Maria Rossini e Rachele Zylberman) questi pazienti caratterizzati dalla "mancanza di coscienza del sé e dell’ambiente", in realtà, percepiscono il dolore. Nel loro stato di "incoscienza a occhi aperti" soffrono; pertanto il gruppo di lavoro raccomanda di "estendere la prescrizione di antidolorifici a tutti quelli in stato vegetativo ai quali siano diagnosticate verosimili fonti di dolore come ascessi e piaghe da decubito". Quello su cui erroneamente ci si è concentrati finora, però, riguarda solamente la percezione delle sensazioni dolorose inviate da recettori periferici specifici: i cosiddetti "nocicettori". In realtà, la domanda più affascinante e, al tempo stesso, sconvolgente, è la seguente: "che emozioni prova, una persona in coma? È cosciente della propria situazione? Potrebbe vivere l’angoscia di una mente prigioniera di un corpo inerme"?

Non si è in grado di stabilire quanto una persona si connetta emotivamente col mondo esterno, in particolari condizioni come quelle del coma. Di sicuro è che, la comunicazione relativa al rapporto con se stessi (almeno sul piano inconsapevole) non cessa e, anzi, determina una modalità di funzionamento "protettivo" tale da facilitare un distacco emotivo rispetto alle cose del mondo esterno. In sostanza, chi osserva la persona in coma, soffre pensando che, quest’ultima stia patendo per la propria condizione senza sapere che, in realtà, è completamente distaccata e disinteressata, essendo connessa con la parte più profonda di sè. È come se fosse preparata ad attendere la ripresa o l’exitus come uno spettatore molto indifferente.

Fonti

  • La Repubblica, pag. 1. 15.
  • www.edott.it7 giugno 2010

 

Giorgio Marchese - Medico Psicoterapeuta - docente di Psicologia fisiologica c/o la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad Indirizzo Dinamico (SFPID) - ROMA

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Ricordare...
Le basi molecolari dell’ansia.
Ossitocina...
Sulle tracce dell’autismo...
Il dolore del rifiuto.
DNA e diagnosi tumorale.
La neurobiologia della saggezza.
Le oscillazioni delle aree cerebrali.
Sorridere per ricordare un sorriso?
Musica, medico!
Il legame tra creativitÓ e follia.
Ansia, stress, depressione.
A proposito di Stress...
Abitudini e novitÓ.
L’ansia in un circuito cerebrale.
Importante scoperta sulla genesi dell’epilessia.
Come si diventa centenari?
Il ricordo dell’emozione.
Il ricordo della paura..
Apprendimento e memoria.
DELLO STESSO AUTORE
Il senso vero, della vera vacanza.
Il nostro cervello...
Psicogenealogia.
L’interazione sociale e i cervelli sincronizzati.
Psiconeurobiologia dell’Amore.
Vai, Valentina!
L’anticancro pi¨ efficace (Nel ricordo di Angelo).
Tessuto Nervoso.
Nati con la maglietta.
Di fronte alle responsabilitÓ?
Care figlie...
Siamo pronti per il Next - Step?
L’etÓ biologica e la buona salute.
Un buon giorno per morire.
Al di lÓ del rimpianto.
Genitori e figli.
Ma Dio, quando arriva?
Come mantenersi giovani...
Contro la Depressione e l’angoscia...
Alla ricerca della felicitÓ.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione