HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La gratitudine: un’ispirazione provvidenziale.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

20 maggio 2008

Ogni uomo, nella propria vita deve ringraziare qualcuno che lo ha aiutato, magari anche salvato dal proprio destino. Spesso non c'è tempo per pensare, per riflettere, per essere grati a chi si è fatto così vicino da avere compassione e cura di te. Eppure occorre trovare lo spazio per recuperare equilibrio e consapevolezza, avvicinare le nostre dimenticanze alla gratitudine per l'altro che si è trovato là quando abbiamo avuto bisogno. Sono trascorsi anni da quando fui letteralmente raccolto da don Franco Tassone, dai fratelli e dalle sorelle della grande Casa del Giovane, anni uno sull'altro, un viaggio intero di scoperte, di esperienze, di obiettivi vicini e lontani, finalmente chiari alla mente e al cuore. A volte si dice grazie allo stesso modo di come agisce la robotica in una catena di montaggio, è un grazie sonnolento, senza entusiasmo, come certe verità sono segrete solo per chi non le vuole proprio vedere. Un uomo pensa alla vita che scorre e a quella che verrà, difficilmente riflette su quanto gli è stato insegnato, su come è stata costruita la sua maturità e capacità di vivere in armonia con gli altri. Si dice grazie ma molto raramente si fa grazie per il bene ricevuto, il tempo passa e noi cambiamo con la nostra età, la nostra tristezza, la felicità... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.




...invece la gratitudine disconosce stanchezza, né ha la criniera grigia a causa degli anni che fuggono via, i più importanti perché non ritornano. La gratitudine è qualcosa che nasce, cresce e si espande, legge intorno a sé le righe che la fanno emozionare, è quello il momento di fare grazie, di essere grati a qualcuno, a chi in questi anni con pazienza ha educato a non rassegnarci alla ingiustizia dei diritti negati e di quelli diseguali, promuovendo impegni costruttivi nelle scelte di bene, che sono difficili, ma consentono di giocare la nostra libertà nelle responsabilità che non è più possibile truffare. A volte è difficile essere uomini perché scavalchiamo le verità che invece esistono, è un malessere che assomiglia all’intensità di una delusione frustrata, di una illusione che si spezza, ma è questa la somma degli errori per ritornare con i piedi per terra. A quante persone sono grato e non ho mai detto grazie, a mia moglie, a mia figlia, a don Franco, a quanti altri ho fatto davvero grazie per avermi insegnato a vivere? Forse non sono stato capace di farlo, ma è attraverso queste persone che ho compreso il valore della volontà che deve esser allenata al suo uso, alla ragione che deve sapere quanto sono importanti i cammini che si stagliano all’orizzonte, una nuova punteggiatura da cui ripartire, approfittando di quanto la vita ci fa dono di scoprire, perché la gratitudine non solo è un’ispirazione provvidenziale che riconcilia al bello, ma ci induce a essere noi stessi.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il grande Erg.
La razzia degli intelletti.
Alla scuola delle emozioni.
Maschere teatralmente scomposte.
Gli ultimi giorni di...
Ferie e intemperie.
Ricchezza effimera.
Una promessa importante.
BUON NATALE E BUON ANNO!
H1N1
Omaggio a Raimondo Vianello.
Dall’altra parte della strada.
Errare humanum est!
La lingua batte, dove il dente duole...
╚ la droga il maggiore distruttore di identitÓ.
Verba volant...
(Ri)prenditi l’anima!
La SocietÓ dei Minchioni.
Quanti avvisi!
Punti di vista.
DELLO STESSO AUTORE
La condanna del silenzio.
Una parte di mondo brutalmente mutilato.
Alla scuola delle emozioni.
L’attesa...
Domande, che salvano la vita, pi¨ delle risposte.
Enzo Tortora.
Coscienze vaganti e salvadanai selvaggi.
I bambini non si toccano... mai!
Parole, sulla paglia facile a bruciare.
Drogarsi...
Gli angeli protettori non si arrendono mai.
Intifada?
Un intruso gioca con la tua vita.
Spread, articolo 18 e vecchi merletti...
L’eufemismo dell’inferno di Dante.
il raglio del mulo - 2.
Violenza e viltÓ .
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Bullismo...
Una promessa importante.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione