HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Parole in trappola...
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

23 maggio 2009

E' singolare come sulla guerra gli estremisti di ogni sponda ammettano l'uso della forza. Ci sono quelli che accettano l'uso di una violenza che sana altra violenza, con la pretesa di non esagerare troppo, e ci sono quegli altri che ancora non conoscono il colore del sangue, e non stanno da nessuna parte, se non con l'utopia della creazione di un mondo perfetto. In questa ottica c'è la nascita di un nuovo stradario, più modesto dello scudo spaziale, ma certamente più consono alla realizzazione di un rispettabile inferno, salvo poi chiederci chi riuscirà a controllare i Lucifero in maschera e i cherubini in armi. C'è davvero un grande spreco di sfide agli intendimenti, agli inganni; quando invece i morti sono morti, la guerra è guerra, i soldi sono soldi, il potere è potere..... Occorre chiamare le cose e le persone con il loro nome, avere il coraggio di indicare, sì, la strada maestra, ma dopo avere percorso per intero le vie laterali, quelle che hanno prodotto il presente. Indipendentemente dalla ragione o dalla compassione, c'è dispendio di immagini e di proclami, ma il cratere è in attesa di anime vaganti, un cratere che s'allarga e vomita tolleranze che non sono vissute, tanto meno convissute. E' paura che procede spedita sotto i cingoli di... PER LEGGERE TUTTO ILTESTO, CLICCARE SUL TESTO.



...quelli che non ammettono cedimenti pur di lasciare comunque un segno del proprio passaggio, perché "c’ero anch’io", poco importa se a Bagdad o ad Assisi. E’ novena dei defunti, di ieri, di oggi, di domani. Nuovamente ci rifugiamo nella giustizia che corre con occhi bendati sull’analfabetismo emotivo che ci coglie ogni qualvolta siamo chiamati a porvi rimedio. Ci stiamo abituando alla guerra vera, ai morti sul selciato, a quelli che ancora respirano ma sono ruderi ambulanti. Ma nonostante questo palcoscenico mondiale, che non è affatto un proscenio virtuale, persiste la caduta di stile in cui inciampiamo, che non è patologia della dislessia. E’ qualcosa di peggio, è corruzione del linguaggio, è autoipnosi della parola attraverso una reazione che non ha mediazione, perché l’angoscia e l’inquietudine albergano tra i nostri possedimenti, non certamente nella disperazione e nel dolore di quanti a brandelli cadono giù dal settantesimo piano di un grattacielo, o di quanti saltano per aria a causa di qualche uomo bomba. Di fronte a tutto ciò, è il caso di smetterla con i convincimenti che esistono divinità e civiltà contrapposte, persino un Dio con più cognomi altisonanti. Forse è il caso di ridimensionare l’uso di una etimologia di tendenza, e affermare che guerra santa e guerra vera, entrambe possiedono l’abito mentale dell’assassino. Forse è il caso di curarci delle parole che pesano e contano per davvero, per indurci infine a curarci di più delle persone....anche quelle che solamente..... tolleriamo.

 

Vincenzo Andraous - Carcere di Pavia e tutor Comunità "Casa del Giovane" di Pavia

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Certezza della pena e interesse collettivo.
Soldato di pace.
Geografia e Politica.
Cultura e civiltÓ.
Un passato da tenere pancia a terra.
Dialogando...
La desertificazione di ogni riservatezza.
In barba al profeta (e a Ges¨ sulla croce).
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Quel lungo e lento viaggio di ritorno.
Disconnessioni mentali.
La paura di chi comanda, frena lo sviluppo.
Il colore dell’abbandono.
Questione di fede?
Nuove droghe e vecchi merletti.
Dall’angolo dove ci si dimentica del loro valore.
Niente di nuovo...sotto il sole del Sud!
Dolce estate.
Non c’Ŕ pace fra gli ulivi!
Una strada, tante piazze
DELLO STESSO AUTORE
Non auguro questo carcere neppure al mio peggiore nemico...
Fuori dal coro.
Intifada?
Certezza della pena e interesse collettivo.
LibertÓ che non ritorna...
Spread, articolo 18 e vecchi merletti...
Vanessa.
Vergogna e speranza.
Violenza spicciola, che fa male...
OmertÓ non sta a solidarietÓ
Indulto o inganno?
Il triello.
Veterani, di una guerra di nessuno!
La guerra degli innocenti.
Giustizia che trasforma.
Morti di serie B.
In ricordo di Fabrizio de AndrÚ.
Natale di trasformazione.
Il falco dagli occhi lucidi.
Non pu˛ esistere l’una, senza l’altra.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione