HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La vita non si pu˛ immaginare, la si deve vivere!
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

28 marzo 2007






...inspirando l'aria più secca e più pura


 

Pensieri degli anni difficili - 29

Una riflessione complicata, ma forse è molto più semplice di quello che sembra. Ne avrò parlato di sicuro varie volte fra le mie righe, un po’ qua e un po’ là. Quando mi immergo nei ricordi, sulle ginocchia di chi mi ha protetto, fra le mani di chi mi ha guidato, nella profondità degli sguardi che mi ha catturato.

Ripercorro e ripenso alle parole gettate lì nel silenzio. Le pause alimentano il fuoco dell’emozione, gli istanti di esitazione nascono dall’imbarazzo e dalla voglia di lasciarsi trascinare.

Il dono più bello che ho potuto ricevere è quello inaspettato.

Esco di fretta come sempre, correndo e dimenticando qualcosa. Mi fermo ad inondare questa giornata di sole con l’odore della natura più in fiore e rimango sorpresa. Scelgo fra i tanti quelli variopinti, danno l’idea della festa più gradita e da festeggiare. Il nastro semplice, che ricorda il colore del sole più tenue e più dolce, li lega a non lasciarli sfuggire. Insieme fanno un’armonia di note che compone una musica beata. Che non ti stanchi mai di ascoltare. È questa la differenza fra l’originalità, quello che non tramonta, c’è sempre qualcosa di nuovo nel riascolto, qualcosa che và riscoperto. Resto incantata dalla gestualità che guida le mani.

La mattina è cominciata fra la nostalgia della festa e non perché è il tempo che passa a condizionare l’umore. I momenti dei tempi lontani popolano la memoria. Il profumo dei pomeriggi che si allungano nella luce della primavera che si risveglia inonda la mia anima. (Cosenza, 07\03\2007)

A volte un piccolo sacrificio ripaga con il piacere più intenso. È come se la vita ti ponesse di fronte a dei compromessi, per meglio imparare ed apprezzare.

Il paesaggio che si è presentato ai miei occhi quest’oggi è nuovo ed inaspettato. Una catena montuosa che si tiene per mano circonda ogni lato e raggiunge con la cima appena innevata l’azzurro più alto. Stimola la fantasia intensa, a voler guardare in là, oltre quella vetta, dove una piccola nuvola sfumata e sfuocata spicca e ripercorre il sentiero del cielo. Sorrido fra me e me pensando al timore che ho provato, all’esitazione che quasi mi ha bloccato.

L’immaginazione nel vivere la vita a volte ne può condizionare l’essenza stessa.

Ho letto da qualche parte che queste montagne rocciose, grigiastre calcaree e rossicce al tramonto in lontananza sono fatate. È un peccato sia già primavera! Penso diano il meglio nell’inverno più rigido. L’insolita temperatura rende però i paesaggi, peraltro meravigliosi, un po’ irreali.

Rimango affascinata dalla passione che unisce i gruppi di persone più eterogenee fra loro. È sempre la libertà il filo conduttore, senza nessun motore meccanico e artificiale ma con la sola forza delle gambe si inforcano le ali, questa volta ai piedi, e si spicca il volo. Si cavalcano chilometri di pendii e ci si lascia andare nelle valli, inspirando l’aria più secca e più pura come carburante per alimentare.

Quando ti fermi ti senti nel centro, avvolto da ogni lato dall’imponente forza della natura dominata solo dal silenzio e dall’ineguagliabile bellezza dei paesaggi. È uno dei pochi momenti in cui non hai nessuna esigenza di sapere in quale parte del mondo ti trovi.

Fa parte del viaggio delle vita, che si deve vivere e non immaginare.

(Predazzo, Val di Fiemme, Dolomiti, 14\03\2007)

Fernanda

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Questa volta...
All’improvviso...
Quando la settimana volge al termine...
Il rancore, la fragilitÓ, la poesia.
La grande paura.
La forza in sé.
Il fuoco del giorno dopo.
Il dolore del distacco.
L’inizio.
Vorrei imparare la pazienza!
Il gioco delle stelle.
La fresca imprevedibilitÓ del futuro.
Il comune denominatore.
E intanto la vita passa!
Runner.
Con un velo di tristezza...
Ritrovarsi...
La paura del desiderio di restare.
L’elefante e la vetrina.
Una giornata un po’ cosý...
DELLO STESSO AUTORE
I puntini sulle i !
Gli effetti benefici della curcumina.
LibertÓ...
La pi¨ bella.
E intanto la vita passa!
L’espressione non tradisce!
Epigenetica e maternage.
L’eccessiva magrezza (o l’obesitÓ)...
Il coltello nella piaga.
Fotografie.
L’ansia di riempire la vita.
Imprevisti.
Il ricordo della paura..
Il legame tra creativitÓ e follia.
Microglia e comportamento.
Fra me e lui.
Stress, epigenetica e disordini neuropsichiatrici.
La forza in sé.
La traccia.
Le varie fasi dell’amore.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione