HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Indulto...
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

16 gennaio 2007






... e ripensamento culturale


LUCI NEL BUIO - 53

Quali programmi e progetti sono stati approntati a seguito dell’indulto, affinché chi è uscito di galera non abbia a ritornarvi. Per rendere attuabile un cambiamento, ben consapevoli che nessuno si salva da solo.

Dove abitano le alternative alla strada una volta ritornati ai bordi della carreggiata?

E’ davvero importante generare possibilità di ricostruzione su quanto ancora resta a ognuno, invece la realtà impone ben altra aspettativa, nelle carceri le persone muoiono nel silenzio più colpevole, non scontano soltanto una condanna, ma un sovrappiù che consiste nelle sofferenze fisiche e psicologiche, mentre, fuori, gli uomini ritornati liberi, inciampano negli abbandoni e nelle rese di una sconfitta che non esprime alcuna pietà.

Il carcere così com’è non funziona, ci sono situazioni devastanti, degradanti: alcune assolutamente non scelte, né mai totalmente descritte dalla cronaca o dalla romanzata fiction televisiva. Ancor più permane il parassitismo strutturale che non consente responsabilizzazione nell’irresponsabile, ma altera e compromette ogni processo cognitivo, creando infantilizzazione della persona detenuta, e di contro una sorda commiserazione.

Allora è davvero urgente che questo atto di clemenza, sottenda un valore in sé e induca la volontà a progettare e organizzare percorsi alternativi al carcere, per evitare effetti spostamento-trascinamento.

Per molti, l’indulto da poco concesso è un atto di clemenza sinonimo di lassismo, un sentimento di pietà impropria. Personalmente ho imparato a mie spese a non incamminarmi per scorciatoie e veloci ammende, e proprio per questo comprendo che quest’istanza salita alta, non è stata un’intercessione demenziale.

Quale perdono è tale se non è accompagnato da espiazione e risarcimento?

Se ho fatto qualcosa di illegale, di profondamente ingiusto, debbo pagare il mio debito alla collettività. E nonostante la mia ritrosia al pagare passivamente quel debito e affidandomi piuttosto al tentativo di riparare in qualche modo al male fatto, posso affermare che in carcere il debito si paga, e lo si paga smisuratamente: perché lontani da ogni umanità. Allora indipendentemente dal richiamo a fratellanze allargate, occorre dare un senso alla nostra umanità: ritrovandola, noi per primi, noi uomini ristretti, noi che non siamo fantasmi, ma persone consapevoli di avere reciso relazioni e convinti di ritornare a costruire del bene. Il bene che è davvero di tutti.

Forse da questo indulto inaccettato può derivare un ripensamento culturale per cui la pena e il carcere non risultino proiezioni di risentimenti e di vendetta, bensì assunzione di responsabilità commisurate alle reali capacità delle persone detenute.

Vincenzo Andraous

Responsabile Centro Servizi Interni - Comunità Casa del Giovane - via Lomonaco 43 - Pavia 27100

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La memoria corta, non Ŕ Pasqua!
E’ uno di quei giorni...
Dal baratro alla rinascita.
Quel silenzio che fa rumore.
Quando il Male aggredisce il Bene...
Quinto potere.
Volti nuovi e abiti vecchi.
Vanessa.
Natale a casa di Massaro Rocco
Studenti, insegnanti e genitori .
Come pugni nello stomaco...
Ges¨ dovrebbe rifiutarsi di risorgere!
Amico fragile.
L’accoglienza...
Natale...
Vogliamo vedere Ges¨!
La Pasqua
Riconciliazione.
Educare...
I traditori e gli indifferenti.
DELLO STESSO AUTORE
Un futuro chiamato Tommaso...
L’infamia pi¨ grande...
Dal baratro alla rinascita.
Morti di serie B.
Non Ŕ possibile omologare alcuna violenza.
Una riflessione da svolgere con cura.
La comunitÓ: un nuovo stile educativo.
Del carcere, tutti sappiamo tutto.
Mia figlia non c’Ŕ pi¨.
Enzo Tortora.
La dignitÓ smarrita.
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Terrorismo...
Quest’anno il Bambino Ŕ nato a casa mia...
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Pedagogia del servire
il raglio del mulo - 2.
Maicol...
Era uno di quelli...
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione