HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Indulto o inganno?
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

22 agosto 2006

Quando si parla di carcere, si rischia di incorrere in esternazioni ideologiche, per non percorrere la strada faticosa a nome Giustizia e Umanità. Per partorire davvero riforme, invece occorrono costruzioni mentali forse difficili, non basta esprimere giudizi. Tutti sappiamo che è più facile non guardare a quel che succede nei meandri di un penitenziario. Altrettanto sappiamo che è ancora meglio non interessarsi a quel che non succede in una prigione. In fin dei conti è più consono non accollarsi troppi mal di testa per "persone" che hanno sbagliato, e pagano giustamente pegno. Tranne poi scandalizzarsi e farne un dramma di coscienza, quando molte di queste persone, una volta ritornate in libertà, al termine della loro pena, ricommettono gli identici reati , creando allarme sociale e insicurezza. Allora si auspica, inasprimento delle pene, carcere duro..... il capo reclino negli strati più profondi, con l'unico risultato di nascondere la verità, quella che fa male e ci indica come corresponsabili di un'assenza che perpetua vittime e carnefici. L'impressione che si ricava dal dibattito attuale sull'indulto, è di una somma di parole che non favorisce speranza, eppure per superare lo scompenso, la diastasi tra punizione e recupero, occorre ripristinare un clima di collaborazione e di partecipazione attiva. Forse è il caso di prendere in considerazione il fatto che il reato, il delitto, necessitano anche di un risanamento oltre che di punizione... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.


Se rapportiamo questo ragionamento alla funzione del carcere, erroneamente ridotto a fungere da mero luogo di contenimento, e alla luce degli effetti prodotti: recidiva, desocializzazione, deresponsabilizzazione, dobbiamo per forza fare affidamento sull’idea di un carcere che serva davvero a qualcosa, quanto meno a migliorare le persone costrette a trascorrervi parte della loro vita. Una società dimentica il diritto stesso, quando lascia il detenuto SOLO a riconoscere le proprie colpe, e tradisce quel diritto quando lo lascia SOLO nel suo impegno a superarle e rinnovarsi. Eppure è proprio questo rinnovamento, questo impegno a superare il passato, questa assunzione di responsabilità soggettiva, che impone al detenuto, ma anche alla collettività un nuovo modo di "vivere il carcere". In questa terra di nessuno, quale è il carcere, c’è davvero bisogno di un incoraggiamento pedagogico, verso condotte socialmente condivisibili, ma forse c’è soprattutto urgenza che vengano attenuati alcuni meccanismi dissocianti di una peculiare condizione carceraria, i quali ostacolano la prospettiva di un valido avvenire e di una nuova esistenza sociale. Più volte si è sostenuto che questo indulto, se non avesse compreso anche i reati finanziari, non sarebbe stato votato, quindi è la risultanza di una manipolazione in favore di qualche potente di turno, per cui si è nuovamente usato il detenuto. Tutto può essere, ma in questa nuova opportunità per l’uomo della pena, c’è il bisogno e la necessità di una intuizione educativa, responsabilizzante, fagocitante un cambio di mentalità all’interno di una prigione, non più resa monca dal sovraffollamento, dalla carenza di personale e di fondi.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Se rinasco...
Pontifichiamo?
Auguri?
Omaggio a Mario Monicelli.
Riemergenza?
Ah...Trenitalia!
Dalla pelle al cuore. Si pu˛ uscire dalla crisi?
Riti e Miti.
Alla scuola delle emozioni.
Dolce estate.
Morte di un presentatore TV.
Domande, che salvano la vita, pi¨ delle risposte.
Giustizia che trasforma.
MA PERCHE’ LAMENTARSI? IN FONDO...
L’indifferenza del sangue.
A te che navighi su Internet !!!
Deglobalizziamo?
Elezioni ed elettorato.
Ragazzi, la vita non e’ un palcoscenico!
La dignitÓ del Cadetto.
DELLO STESSO AUTORE
Non auguro questo carcere neppure al mio peggiore nemico...
Fuori dal coro.
Intifada?
Certezza della pena e interesse collettivo.
LibertÓ che non ritorna...
Spread, articolo 18 e vecchi merletti...
Giustizia che trasforma.
Morti di serie B.
In ricordo di Fabrizio de AndrÚ.
Natale di trasformazione.
Il falco dagli occhi lucidi.
Non pu˛ esistere l’una, senza l’altra.
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
DignitÓ disabitata.
Nel nome del Popolo Italiano!
L’urlo, ora, si Ŕ disperso.
Gioco d’azzardo e fallimenti quotidiani.
Quel lungo e lento viaggio di ritorno.
La comunitÓ: un nuovo stile educativo.
Indulto...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione