HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Tanti Auguri!
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

26 dicembre 2005

Cimentarsi nella stesura di un editoriale, durante il periodo delle festività natalizie, comporta notevoli difficoltà perché si corre il rischio di risultare troppo qualunquisti. Però non si possono sottacere alcune riflessioni che assumono un valore particolare, visto il periodo che ci prepariamo a vivere. Vorremmo, allora, invitarvi a sfogliare il libro dei ricordi, che è in ognuno di noi, per rivedere e rivivere, con un pizzico di nostalgia, i giorni delle festività della nostra infanzia. Se li paragonassimo a quelli degli ultimi anni, salterebbe agli occhi la differenza di spirito con il quale ci apprestavamo a viverle. Fino a qualche anno fa, infatti, eravamo noi a vivere la festa, una festa interiore, esteriorizzata con estrema felicità; oggi, invece, è la festa a viverci con i ritmi frenetici di un consumismo in evidente crescita a caratterizzarle. Chi di noi non ricorda i profumi degli abeti che inondavano le nostre case, insieme all'odore dei dolci natalizi che ogni brava mamma si apprestava a preparare in cucina coadiuvata, magari, da nonne e zie? E sè, erano veramente altri tempi visto che, oggigiorno, i dolci si usa acquistarli nei negozi specializzati delle nostre città e gli abeti sembrano aver perso quel forte odore di resina che li caratterizzava. C'era una grande spontaneità nel vivere il Natale, c'erano le tombolate in famiglia, c'erano tante sedie occupate intorno a quei tavoli da gioco mentre si estraevano i numeri della tombola, mentre si chiamava il lattante o la paradisea...PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.



...del mercante in fiera, tra urla di gioia e sbuffi di delusione per dovere restituire quella maledetta carta che pensavamo dovesse essere il primo, agognato, premio. Gli unici dolci , oltre a quelli tipici, erano il panettone e il pandoro che lasciavano, in bocca, un retrogusto pieno e dolce, così come dolce era, per noi, l’intero arco delle festività natalizie. Era bello guardare il presepio risplendere delle mille luci che lo facevano brillare, al pari degli occhi di chi lo ammirava, entusiasta, perdendosi nelle piccole case di cartone o nelle grotte di cartapesta che mettevano a dura prova la pazienza di quanti si dedicavano alla loro realizzazione. Eravamo famiglie unite che vivevano di quel poco che i tempi ci offrivano. Era bello attendere il cenone, era bello gustare le pietanze al caldo tepore della famiglia unita...si avvertiva un senso di protezione che oggi, purtroppo non è più. Era anche bello guardare fuori, attraverso i vetri appannati delle nostre finestre, e sbirciare nelle case altrui dove, almeno per un giorno, ma in maniera vera e spontanea, albergava la serenità e si viveva di calma, intorno ad un tavolo che esprimeva unità. Era bello uscire dopo la mezzanotte e unirsi in un lungo e vero abbraccio d’augurio, magari, solo avanti l’uscio di casa o l’androne di chiese ricolme di veri fedeli...ecco, l’augurio che ci sentiamo di esprimere è proprio questo, poter rivivere un po’ di passato nel presente che viviamo e che non ci accorgiamo di vivere. Buon Natale

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La nazione dei bisonti.
Disconnessioni mentali.
Corsi e ricorsi storici...
Dalla pelle al cuore. Si può uscire dalla crisi?
Verba volant...
La paura di chi comanda, frena lo sviluppo.
La condanna del silenzio.
2010. L’anno delle speranze possibili. Ma non probabili.
Se rinasco...
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Morte di un presentatore TV.
Regole d’oro.
Impariamo a saper chiedere aiuto...
La caduta degli Dei.
Navigatori, esploratori del multimediale.
Dall’angolo dove ci si dimentica del loro valore.
Il male di vivere
La pedagogia della nonna...
In carcere si va perché puniti. Non per essere puniti!
Chi voterò...
DELLO STESSO AUTORE
Geografia e Politica.
Che ne sarà di noi?
Triste e amaro...questo calice beviamo!
Vuoti a perdere...
Quanti avvisi!
Il paese dei balocchi.
8 Marzo, gioie e dolori!
Infanzia venduta.
Emendamenti pasquali...
Lamerica.
Vizi privati... pubbliche virtù!
Privilegi ai Parlamentari:
Macchinista o passeggero?
Il caos della democrazia!
Fuori, da un evidente Destino... (Mari mari kompu che).
Punti di vista.
Ah...Trenitalia!
A proposito di terrorismo...
L’interiorità del macrocosmo...
Navi e veleni
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione