HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
8 Marzo, gioie e dolori!
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

8 marzo 2004

Il giorno otto marzo ricorre la festa delle donne e la maggioranza di queste lo "commemora" con fiumi di parole che vengono versati sull'argomento....giÓ fiumi di parole si dicono l'otto marzo, e tante sono le riflessioni stimolate attraverso convegni, dibattiti e conferenze....ma trascorso questo fatidico giorno cosa rimane? Niente, a ben sentire si odono solo i lamenti degli alberi di mimosa che vengono "spogliati" senza ritegno in nome del Dio denaro, infatti si spengono i riflettori e tutto torna come prima. Ognuno a recitare la sua parte sul palcoscenico della vita, di una vita che di distinzioni, discriminazioni e predilezioni, di per sŔ, ne fa giÓ abbastanza e di pi¨ dannose! Ma quale pu˛ essere l'importanza di una ricorrenza come questa e per chi, se non per ristoratori e venditori ambulanti di mimose a prezzi assurdiÓ Ritengo che l'essere umano femminile debba essere preso in considerazione sempre e le vada riconosciuta l'importanza che merita in qualsiasi giorno dell'anno solare e non, come oggi succede, solo l'otto di marzo. La rivincita sociale e culturale della donna Ŕ un fenomeno che Ŕ andato affermandosi nel tempo, con sacrifici costanza e coerenza, per cui non pu˛ essere commemorata al pari della presa della Bastiglia come avviene in Francia o al giorno del ringraziamento negli Stati Uniti o, altresý, al pari della giornata contro il fumo o contro il cancro. No! Non pu˛ essere cosý riduttiva, non pu˛ essere considerata come un affrancamento dall'essere umano maschile! PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.




...A mio parere è da considerarsi figlia di un lungo processo di maturazione socio - culturale che ha riconosciuto nelle donne, esseri umani degni di rispetto, di fiducia ma, soprattutto, degni di parola, di quella cosi detta "voce in capitolo" che spesso, troppo spesso, le è mancata. In Italia, questo processo di lenta maturazione ha seguito due velocità diverse: una, più rapida al Nord, l’altra più lenta al Sud...tanto per cambiare. Il ruolo della donna in Calabria era molto più mortificato ed oserei dire.. è più mortificato, rispetto a quello di una donna lombarda, e, questo, non tanto per volontà, quanto per "retaggio culturale" che crea quelle leggi non scritte o prassi, che dir si voglia, che si rispettano perché esistono... oltre al fatto che fanno comodo! E qui la differenza di sessi c’entra poco, mentre a farla da padrone è lo sviluppo degli esseri umani, della loro maturata capacità di riflessione, dei nuovi apprendimenti recepiti e di un generale progresso, con relativo avanzamento, di un’intera Società che hanno permesso una riconsiderazione del ruolo femminile a tutti i livelli! Alla luce di quanto scritto finora perché, allora, considerare una vittoria politica, quella della istituzione delle Commissioni per le pari opportunità? Lungi da me la volontà di essere disfattista, però è necessario riflettere su millantate conquiste che conquiste non sono e che, invece, altro non rappresentano se non la conferma di quanto dovrebbe essere garantito socialmente (perché le Società avanzate non dovrebbero frapporre ostacoli di nessuna natura al riconoscimento di pari opportunità tanto ad esseri umani di sesso maschile quanto ad esseri umani di sesso femminile) e politicamente (perché le tanto decantate pari opportunità dovrebbero essere già garantite dal combinato disposto degli articoli 2-3-4 della Costituzione...leggere per credere!). Concludo, esortando le donne a continuare ad affermare il proprio spazio all’interno di una società che si definisce globalizzata e multietnica ma che poi si perde in assurde discriminazioni di varia natura, e gli uomini ad ammettere le proprie responsabilità ed a non commettere nuovi errori in tal senso perché il valore si dimostra sul campo... solo così potremo avviarci verso la creazione di una società meritocratica e per niente impositiva inquadrata da schemi rigidi e discriminanti.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Ferie e intemperie.
Mare... d’amare?
150 anni, per un’Italia ancora alla ricerca della propria identitÓ.
Il male di una conduzione educativa assistenziale.
Non pu˛ esistere l’una, senza l’altra.
Congedarsi da queste storie anonime non Ŕ facile.
Tanti auguri...razza padrona!
Corsi e ricorsi storici...
A te che navighi su Internet !!!
Il colore dell’abbandono.
Il nuovo autoritarismo
Buona Pasqua...
Una parte di mondo brutalmente mutilato.
Sfatare i luoghi comuni.
La giustezza della norma...
Che ne sarÓ di noi?
Sodoma o Gomorra? (tra bullismo e babygang)
Liberare la libertÓ.
L’economia, gira con te?
Vizi privati... pubbliche virt¨!
DELLO STESSO AUTORE
Mare... d’amare?
Cara Trenitalia, che tratto ferroviario vergognoso!
Il paese dei balocchi.
Punti di vista.
Burattini o Marionette?
Come Ŕ difficile vivere bene!
Ah...Trenitalia!
Emendamenti pasquali...
Il caos della democrazia!
Il sonno nella ragione...
Alto Jonio calabrese: a proposito di Provincia...
Una vita in equilibrio.
Alitalia...
Fratelli d’Italia?
Occasioni perdute...
Semplicemente... Giovanni.
Macchinista o passeggero?
Fuori, da un evidente Destino... (Mari mari kompu che).
Che ne sarÓ di noi?
Buon viaggio!
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n┬░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione